Studenti

NEET e Garanzia Giovani. Il programma europeo per l’inserimento lavorativo e la formazione continua per gli under 30

Nel nostro numero dello scorso gennaio avevamo già affrontato Garanzia Giovani, il programma della Struttura Missione istituita presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali finanziato grazie ai contributi della Youth Employment Initiative, dal Fondo Sociale Europeo e dal cofinanziamento nazionale. Il progetto,  lanciato nel primo trimestre 2014, mira ad un’offerta qualitativamente valida del lavoro, ad offrire incentivi per favorire il proseguimento della formazione personale e le forme di apprendimento pratico come tirocini, stage e apprendistati dall’inizio della disoccupazione o dal termine degli studi. Il target principale è quello dei NEET, la fascia di giovani inoccupati che va dai 15 ai 24 anni, ma che oggi nel nostro Paese, secondo L’ISTAT, sembra includere soggetti fino ai 34 anni di età.

L’obiettivo 2015 per il Ministero del lavoro è raggiungere il 50% di questo potenziale target nonché sollecitare l’Unione Europea a trasformare questa iniziativa in un piano strutturato ed organizzato.

A Ottobre 2014, infatti, diverse erano state le critiche volte verso questa iniziativa percepita come poco organica poiché attuata in modo totalmente dispersivo nelle Regioni dello stivale rivelandosi “un labirinto burocratico” così come sostenuto dalla ricerca di Impresa Lavoro, lo sportello telematico per il lavoro e lo sviluppo locale. Secondo lo studio il programma non ha risposto pienamente alle esigenze dei giovani NEETS, allargando inoltre il target group a 29 anni e offrendo pochi posti di lavoro rispetto al numero delle richieste.

Si rilevano però dei lievi miglioramenti: al 22 Gennaio 2015 gli iscritti risultano 373.673, il 19, 6% dei NEET, registrando così un aumento di 9 mila unità rispetto alle ultime letture dei dati. L’obiettivo ora è quello di coinvolgere 569 mila giovani, potenziare l’operatività di tutti gli accordi e attuare le misure e le convenzioni stipulate nella I Fase.

IL boom delle iscrizioni si è registrato in Campania con 53.888 iscritti, rappresentanti il 14% dello stivale, seguita da Sicilia con 49.138 unità (12,8%) e Lazio con 27.055 iscritti (7,1%)

La finalità della Garanzia Giovani non è soltanto migliorare l’occupabilità e le competenze personali attraverso la formazione e l’inserimento in azienda con contratti di stage o apprendistato, ma anche mettere in contatto i ragazzi con i Centri per l’Impiego  e le imprese stimolando quindi i giovani a mobilitarsi attivamente e a rafforzare la rete di relazioni per l’inserimento nel mondo del lavoro.

Secondo la ricerca realizzata su un campione di 1.580 giovani dalla Repubblica degli Stagisti, la voce di questa categoria online, e dall’Associazione senza fini di lucro Adapt che si occupa di ricerca e studi nel mondo nell’ambito delle relazioni industriali e del lavoro,  il 32% dei partecipanti a Garanzia Giovani non aveva mai utilizzato i servizi per l’impiego.

Poca affluenza ai Centri per l’Impiego si è registrata per Bolzano con 34 iscritti (0%) e la Val d’Aosta con 720 iscritti (0.2%).

Nel complesso sul totale degli iscritti e al netto dalle cancellazione dagli uffici di competenza, nello stivale sono stati presi in carico dai servizi accreditati un totale di 138.777 giovani con proporzioni diverse da regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *